lunedì 3 aprile 2017

RECENSIONE | CARVE THE MARK: I PREDESTINATI di VERONICA ROTH


MONDADORI · 427 PAGINE · 17 GENNAIO 2017 · €13,52
In una galassia percorsa da una forza vitale chiamata corrente, ogni uomo possiede un dono, un potere unico e particolare, in grado di influenzarne il futuro. CYRA è la sorella del brutale tiranno che regna sul popolo shotet. Il suo dono, che le conferisce potere provocandole allo stesso tempo dolore, viene utilizzato dal fratello per torturare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un'arma nelle mani del tiranno. Lei è molto più di questo. Molto più di quanto lui possa immaginare. AKOS è il figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Ha un animo generoso e nutre una lealtà assoluta nei confronti della famiglia. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l'unico suo pensiero è di liberarlo e portarlo in salvo, costi quel che costi. Nel momento in cui Akos, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini dei due ragazzi si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l'un l'altro. Carve the Mark - I predestinati è un racconto sul potere, l'amicizia e l'amore in una galassia carica di doni inaspettati.

RECENSIONE
Carve the Mark è stato uno dei libri più attesi di quest'anno. Curiosa di questa nuova duologia ho pensato di leggere finalmente il primo libro della serie Divergent. L'ho adorato, più del film devo essere sincera. Veronica Roth ha uno stile di scrittura veramente fluido che ho divorato entrambi i libri in pochi giorni. Perciò preordinai Carve the mark molto entusiasta, anche se all'inizio ero parecchio confusa perché il genere sci-fi non è esattamente il mio preferito, faccio un po' fatica  a comprendere le tematiche fantascientifiche.
Ovviamente questa nuova storia della Roth è molto diversa dalla serie Divergent, il suo modo di scrivere è più maturo e profondo,  i personaggi specialmente sono assai differenti, più oscuri. Meravigliosa la scelta di alternare  la narrazione tra Akos e Cyra.

sabato 1 aprile 2017

RECENSIONE | LA MOGLIE DEL CALIFFO #1 di RENÉE AHDIEH

NEWTON COMPTON ・369 PAGINE ・4 FEBBRAIO 2016 ・€8,50
Al calar del sole sul regno di Khalid, spietato califfo diciottenne del Khorasan, la morte fa visita a una famiglia della zona. Ogni notte, infatti, il giovane tiranno si unisce in matrimonio con una ragazza del luogo e poi la fa uccidere dopo aver consumato le nozze, prima che arrivi il nuovo giorno. Ecco perché tutti restano sorpresi quando la sedicenne Shahrzad si offre volontaria per andare in sposa a Khalid. In realtà, ha un astuto piano per spezzare quest'angosciosa catena di terrore, restando in vita e vendicando la morte della sua migliore amica e di tante altre fanciulle sacrificate ai capricci del califfo. La sua intelligenza e forza di volontà la porteranno a superare la notte, ma pian piano anche lei cadrà in trappola finirà per innamorarsi proprio di Khalid, che in realtà è molto diverso da come appare ai suoi sudditi. E Shahrzad scoprirà anche che la tragica sorte delle ragazze non è stata voluta dal principe. Per lei ora è fondamentale svelare la vera ragione del loro assurdo sacrificio per interrompere una volta per tutte questo ciclo che sembra inarrestabile.


RECENSIONE
Mancano 26 giorni all'uscita del secondo e ultimo libro La rosa del Califfo della fantastica scrittrice Renée Ahdieh. Nel frattempo ho pensato di rileggermi il primo, visto che l'ho lessi appena uscito e non avevo pensato di scriverci una recensione.

RECENSIONE | REBEL. IL DESERTO IN FIAMME di ALWYN HAMILTON

GIUNTI EDITORE · 272 PAGINE· 26 OTTOBRE· €5,87
Amani non ha mai avuto dubbi: è sempre stata sicura che prima o poi avrebbe trovato una via di fuga dal deserto spietato e selvaggio in cui è nata. Andarsene è sempre stato nei suoi piani. Quello che invece non si aspettava era di dover fuggire per salvarsi la vita, in compagnia di un ricercato per alto tradimento.
Tiratrice infallibile, per guadagnare i soldi necessari a realizzare il suo sogno Amani partecipa infatti a una gara di tiro travestendosi da uomo. Tra gli avversari, il più temibile è Jin, uno straniero sfrontato, misterioso e affascinante. Troppo tardi Amani scoprirà che Jin è un personaggio chiave nella lotta senza quartiere tra il Sultano di Miraji e il figlio in esilio, il Principe Ribelle. Presto i due si troveranno a scappare attraverso un deserto durissimo e meraviglioso, popolato di personaggi e creature stupefacenti: come i bellissimi e pericolosi Buraqi, fatti di sabbia e vento ma destinati a trasformarsi in magnifici destrieri per chi abbia l'ardire di domarli; i giganteschi rapaci Roc; indomite donne guerriere dalla pelle color oro e sacerdoti capaci di leggere i ricordi altrui nell'acqua... Quando Amani e Jin si troveranno di fronte alle rovine di una città annientata da un fuoco di calore innaturale capiranno che la posta in gioco è più alta di quanto pensassero. Amani dovrà decidere se unirsi alla rivoluzione e capire se davvero quello che vuole è lasciarsi alle spalle il suo deserto.

RECENSIONE